Escursione in montagna al Lago di Garda Trekking al Lago di Garda Ferrata al Lago di Garda

IL LAGO DI GARDA E LA SUA STORIA

STORIA MODERNA: DAL XV AL XVIII SECOLO

Introduzione - Geomorfologia - Preistoria e Storia antica: fino al V sec. - Storia Medievale: dal V al XIV sec. - Storia moderna: dal XV al XVIII sec. - Storia contemporanea: il XIX sec. - Dagli inzi del 1900 al 1945 ( I° e II° G.M. ) - Dal 1946 ad oggi

 

La storia Moderna

XV secolo

Agli inizi del XV secolo nel 1405, il versante veronese passò alla Serenissima. Nel 1426 anche la riviera bresciana e Brescia furono sottratte, per volontà delle popolazioni locali, ai Visconti.

I Visconti nel 1438 mossero guerra alla Repubblica di S. Marco e arrivarono fin sulle rive del Garda, ai Veneziani, soccombenti, rimase solo la zona a Nord.

I veneziani non si diedero per vinti e con un’impresa storica, epica, “Galeas per montes”, sotto la guida del capitano Gattamelata (Erasmo da Narni, ex capitano di ventura), attaccarono i milanesi da Nord agli inizi del 1439. Per fare questo inviarono una flotta di 33 navi che risalì l’Adige fino a Mori, fu tratta in secco e trasportata su rulli fino al Lago di Loppio. Attraversato il lago, la flotta venne tratta nuovamente in secco, issata fino al passo di S. Giovanni e da li calata fino al Lago di Garda, nei pressi di Torbole, passando per Nago e per la ripida valle di S. Lucia. Servirono 15 giorni, 2.000 buoi, centinaia di schiavi e maestranze locali, un sistema di scorrimento su rulli inventato all’occorrenza e possenti argani, per issare e calare le navi lungo il percorso. I milanesi venuti a conoscenza dell’impresa prepararono le contromisure e così nella battaglia di Desenzano vinsero i veneziani che salvarono solo due navi. I veneziani nel corso del 1439 allestirono a Torbole una nuova e più potente flotta, con lo stesso sistema di trasporto. Lo scontro ebbe luogo il 10 aprile del 1440 al largo del Ponale, di fronte a Riva del Garda, questa volta vinsero la battaglia e conquistarono l’intero bacino.

 

Impresa Veneziana sul Garda

 

Nel 1448 Francesco Sforza riprende la guerra con Venezia che resiste e riesce a mantenere il dominio sul lago. Nel 1483 è la volta di Ferrara che attacca Venezia per il possesso del lago, anche questa volta Venezia resiste.

 

XVI secolo

All’inizio del XVI secolo, la Serenissima vede il proprio dominio sul Garda minacciato, questa volta da nord, lega di Cambrai, rafforza quindi le difese del territorio potenziando i castelli e costruendo a Riva il Bastione.

Dopo alcune vicende alterne, la Serenissima riconquista stabilmente nel 1521 (con la restituzione di Riva da parte di Carlo V)  l’intera area gardesana.

 

XVII secolo

Segue un periodo abbastanza tranquillo, senza guerre, fino alla fine del XVII secolo. Durante questo periodo si accendono rivalità tra i comuni della Magnifica Patria di Riviera (quelli della sponda bresciana), contro Salò, che era la sede del provveditore.

 

XVIII secolo

Nel XVIII secolo dal 1701 al 1705, durante la guerra di successione Spagnola (1.701-1.713), si scontrano sulle sponde del Lago di Garda e sul lago stesso le truppe franco – spagnole con quelle Imperiali tedesche. Venezia si mantiene neutrale e lascia le popolazioni locali al proprio destino. Nel 1701 scendo gli imperiali ad attaccare i francesi che si erano attestati sulle rive del lago e nell’entroterra. Gli scontri continuano negli anni successivi, con vicende alterne, e con le due fazioni sempre a contendersi il lago, anche con battaglie navali e bombardamenti delle località rivierasche. E’ in questo periodo che molti dei castelli e delle fortificazioni locali, presenti nell’alto Garda, vengono irrimediabilmente distrutti. Nel 1703 l’esercito francese avanzò verso nord al comando del generale Vendome duca di Peuthiène,  l’avanzata venne bloccata a Trento, durante la ritirata il generale incendio i manieri che lo avevano contrastato, resistendogli; tra quelli andati distrutti, possiamo ricordare: il Castello di Arco (anche se esiste qualche dubbio in merito), il Castel  Penede di Nago, il Castello di Dossomaggiore a Brentonico, Castel Gresta a Pannone, il Bastione di Riva del Garda, il Castel Drena a Drena e il Castello di Castil sopra Arco.

 

In questo periodo, nel 1786, il poeta Wolfgang Geothe visita il Lago di Garda e ne rimane affascinato.

 

 

MAPPA INTERATTIVA DELLE TESTIMONIANZE STORICHE E DEGLI ITINERARI COLLEGATI ALLA STORIA MODERNA

I segnapunto colorati hanno la funzione di agevolare la ricerca in base alla difficoltà dell'accesso e del percorso:
  • verde = nessuna difficoltà: breve visita,
  • giallo = nessuna difficoltà : passeggiata,
  • azzurro = difficoltà T : per Turisti,
  • blù = difficoltà E : per Escursionisti,
  • rosso = difficoltà EE : per Escursionisti Esperti,
  • rosa = difficoltà EEA : per Escursionisti Esperti con attrezzatura da ferrata,
  • viola = difficoltà Alpinistica : per Alpinisti.


Visualizza Lago di Garda, Mappa Storia: Medioevo e Moderna in una mappa di dimensioni maggiori

PERCORSI STORICI

PERCORSI I° GUERRA M.

Lago di Garda

Guida hotel e informazioni turistiche sul lago pił grande d'Italia.
LAGODIGARDAHOTELS.IT

Lago garda escursioni su Facebook